franchino's way

15 luglio, 2013

Passi (il cammino degli dei, il tempo, la fatica, lo spazio)

Filed under: personalismi — ilkonte @ 8:16 pm
Tags: , ,

Non è stata una vacanza, per niente. E non è stato nemmeno un semplice viaggio ma qualcosa di completamente diverso e assolutamente nuovo per me e i miei compagni.

E’ stato, semplicemente, un cammino. Lungo, sfiancante, gratificante, istruttivo, a tratti silenziosissimo.

Esperienza totalizzante: fisica, mentale, emotiva.

Sai quando parti. Sai quando vorresti arrivare.

Il durante è tutto. Ogni curva, ogni cambio di fondo, ogni rampa, ogni discesa era il piacere dell’attimo, dell’essere “nel mezzo”, del presente e dell’attesa di quello che deve arrivare.

Cammini, scandisci il tempo ascoltando i tuoi passi e i tuoi respiri, tari la tua presenza in quei sentieri sul fiatone e sulla durezza delle gambe, ignori il dolore ai piedi sempre più insistente pensando che alla fine arriverai, ce la farai, ci sei quasi e potrai riposarti per ripartire.

Si può solo andare avanti. Per ripartire, sempre.

Come se arrivare alla prossima tappa sia l’unica cosa che conta, la vera risorsa a cui attingere per farcela, insieme.

Tutto era presente e futuro: è salita, è discesa, è bosco; domani sarà dura, sarà bello, sarà selva, sarà lunga.

Sarà.
Nel silenzio dei compagni che faticano con te. Perchè si chiacchiera in pausa o in piano ma in salita sei concentrato su te stesso, a testa bassa, con sguardi veloci ai compagni per darsi forza, per condividere la fatica. Si parla poco o niente, se non per darsi carica o bestemmiare per la stanchezza.
In salita si è soli. A farti compagnia solo i tuoi pensieri, la tua voglia di arrivare in cima, il ritmo che ti imponi per vincere la scalata e la stanchezza. Perché “la salita va dominata”, come diceva Duluoz, mangiata. Bisogna volere e fare pochi picci.

Poi, al quinto giorno, alle porte di Fiesole, l’arrivo, inizi a pensare e parlare al passato: è stata dura, è stata lunga, era meraviglioso quel giorno nel bosco, era sublime quella vista dalla cima, è stato delirante accorgersi di potercela fare, chilometro dopo chilometro, dolore dopo dolore, sudore dopo sudore.

Un cammino finisce quando smetti di coniugare i verbi al presente e al futuro e tutto inizia a piegarsi al passato, al ricordo. Il presente e quel che sarà scompare, colmo come sei di quello che è stato.

Era bello quando la sera arrivavi spossato e ti premiavi con risate stupide di spossatezza, battutacce e birre coi compagni. Era bello andare a letto con l’ansia di non riuscire a recuperare e svegliarti la mattina con dolorini vari che sparivano dopo 2-3 chilometri. Era bello accorgersi di avere voglia, fame di nuovo, ogni mattina, senza paura.

E di vedere gli altri, con te, come te.

Dietro ogni curva un capitolo di epica personale. Dietro ogni rampa un nuovo orizzonte e una nuova prova di orgoglio. Ad ogni pausa un momento per raccogliere le energie, pensare, ascoltare il proprio corpo e massaggiare la propria mente.

Tutto era tempo al presente. Tutto era tempo, misurato da una dimensione umana, troppo umana, di spazio.

Me ne sono accorto quando sono tornato a Bologna, con l’Intercity che percorre la linea storica della ferrovia, la “Direttissima” che passa da San Benedetto Val di Sambro e in 1 ora scarsa ti porta a casa.
1 ora contro 5 giorni.
E, d’un tratto, tutto diventa superfluo, banale, scontato, noioso.
Cerchi dal finestrino le cime che attraversate e non le vedi, o fingi di vederle per avere una misura di quello che hai vissuto, ma no, non è la stessa cosa.
In 10 minuti ti scorre davanti quello che 3 giorni prima avevi fatto il 6 ore.

Il tempo mentre camminavamo aveva cambiato dimensione. Lo spazio aveva riacquistato la propria storia millenaria fatta di locande, passi, briganti. E fortuna ha voluto che ci sia stato sempre bel tempo; immaginare quel cammino sotto la pioggia, immaginare i viandanti di un tempo, sicuramente più abituati, sotto pioggia, neve,  temporali o al freddo ad andare su e giù per monti mi mette ancora i brividi. Pensare ai partigiani che sicuramente avranno percorso quei boschi, d’inverno; emozione pura e rinvigorita gratitudine.

Un modo diverso di vivere la storia, non fatta di monumenti, date, vittorie e sconfitte, eventi. Una storia fatta di uomini e passi.

Una storia fatta di distanze umane, lunghe ma non impossibili, difficili ma non insuperabili.

Una storia in carne, ossa, pietre e polvere, fango e foglie, vento e sole ardente.

Il terzo giorno siamo passati da Madonna dei Fornelli (BO) a Monte di Fo (FI). Parti la mattina ascoltando la barista con l’accento che sa di crescentine e la sera ti addormenti in un’orgia di C aspirate. Non c’è più stupore nel constatare che un solo monte possa segnare una differenza così abissale. I dialetti, le abitudini, hanno viaggiato per millenni a 5 km all’ora su strade non asfaltate. Quella era la normalità. Quella era la natura. Siamo noi, uomini supermoderni, iperconnessi, iperveloci, l’anormalità. La natura, e quindi l’uomo, aveva tempi diversi, non più nostri.

Noi siamo la novità che spazza via tutto.

Ecco perché non bisogna meravigliarsi del fatto che i paesi ora scompaiono, inghiottiti da città troppo disumane o comodità mai troppo comode. Prima della modernità avevano funzione di presidio su un territorio da calpestare e di stazione di passaggio per ospitare chi veniva da lontano, lontanissimo, a settimane, mesi, di cammino, sete e fame e diretto chissà dove.

Ora vengono saltati, umiliati dal motore, da internet, dalle Alte velocità che rinnegano il valore del tempo, la fondamentale importanza della storia e dello spazio. Siamo noi gli anormali. E siamo irreversibili, come i danni che le infrastrutture provocano a territori tagliati, distrutti, sviliti, snaturati, nel nome di iperconnessioni che poi alla fine non connettono altro che nodi, lasciando  nel mezzo solo cicatrici, tagli e buchi.

Ma i paesi mantengono, per fortuna, una loro anima di semplicità: il bar, il dialetto che colora gli sfottò, le partite a carte, i commenti sulle donne, i bianchetti o le birre per fare allegria, aspettando, ogni sera, la cena e il riposo.

Per poi ripartire il giorno dopo, come ogni giorno.

La semplicità, l’umiltà dei paesi sono la loro sopravvivenza, la loro unica forma di resistenza consentita. Quando perderanno questa loro capacità di andare all’osso, di resistere alle ansie della “milanesizzazione” e delle mode, la nostra Italia, quella in cui sono cresciuti i nostri genitori e in parte noi, sarà sepolta, oggetto di folklore, sagre, memoria di cartapesta per turisti nodali.

Come quando finisce un cammino e inizi a coniugare i pensieri al passato e non capisci cosa è stato quello che hai fatto. Non realizzi, non comprimi, non riesci a dominare l’esperienza e incasellarla.

Tutto andrà perso, perchè quel tempo, quello spazio, mal si adattano alla nostra presunta, nuova, devastante “normalità”.

P.S.
Alcune precisazioni:
 
1) Non sono diventato un fricchettone esaltato della decrescita. Continuerò a mettere le scarpe, a lavarmi il giusto, a bere birre industriali e guardare il pallone. Continuerò inoltre a cibarmi di cordon bleu o altre porcherie quando non avrò voglia di cucinare cose buone, sane, nutrienti.
 
2) Il termine “milanesizzazione” indica semplicemente una “way of life” nazional-popolare mitizzata a reti unificate: moda, aperitivi, macchinoni, fretta, lavoro lavoro lavoro, fatturazione, cumenda.
 
3) Non vivrei in un paese, non più. Per fortuna vivo in un quartiere che nel suo piccolo è un bellissimo paese metropolitano. Ma ogni volta che visito un paese di montagna ricordo da dove vengo, dove sono cresciuto, e mi sento bene.
 
4) Ho qualche ragione in più per continuare ostinatamente a non voler prendere la patente. O meglio, ho una nuova carta vincente da giocare per rimanere nel personaggio.
 
5) Ho scritto che siamo irreversibili. Ne sia la prova il fatto che mentre vivevo la lentezza ero lì col cellulare in mano a cercare di raccontare in tempo reale la mia, la nostra, esperienza. Siamo irreversibili e a volte paradossali, ma non la vivo come una colpa o qualcosa di cui vergognarmi.
 
6) La mattina seguente l’arrivo a Firenze, dove abbiamo pernottato da amici, mi sono alzato, sono andato al bar, ho letto le notizie sportive, ho chiacchierato con El Capitan. Avevamo ancora voglia di camminare, di andare, di ripartire. Il corpo era ormai rodato, la mente famelica.
 
7) Se ne avete la possibilità, fatelo. Non abbiate timori.

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.