franchino's way

14 novembre, 2012

La Crisi (questioni di prospettiva)

Sciopero generale e manifestazioni in tutta Italia. Cortei di studenti e dei sindacati. Roma h. 09:40.

“Daje, però così nun se po’ anna avanti – Rugani scompare nello sbuffo della sua sigaretta e riappare pensieroso, lontano – So’ anni che ce promettono, ce promettono e guarda come c’hanno ridotto… st’infami”.

“Si però a Rugà… Nun devi esse troppo disfattista – Marcucci si aggiusta la cintura – Bisogna daje tempo. So’ periodi storti ma un segnale se doveva da”, il taglio della mano destra a indicare una via immaginaria da percorrere.

A 100 metri il corteo degli studenti medi è ancora fermo: “PERCHE’ QUESTO GOVERNOOOO! DEI BANCHIERIII! STA MASSACRANDO LE FASCEEEE! PIU’ DEBOLIDELLASOCIETAAAAA’!!! E SOPRATTUTTOOOO!

“Ma te te rendi conto de come stamo messi o no? Nun li leggi i ggiornali?”. Rugani si appoggia stancamente ad una colonna e osserva il corteo: “La ggente se sta incazzando davero.. e si ss’encazza come se deve so cazzi pettutti… N’artra annata de merda e addio…”

“Li leggo i ggiornali, li leggo. Ma te ripeto, bisogna daje tempo. Quando uno se trova da ricostruì ce sta che sse crei, come te devo dì, un po’ de casino”

“Ma ricostruì dde che?? J’hanno dato tutto ‘mmano. Ha fatto e disfatto quello che je pareva. S’è portato tutti l’omini sua e la ggente all’inizio l’aveva pure accolto a braccia aperte…”

“Si ma te stai a scordà come eravamo messi uno o due anni fa… Te pareva che se stessero facendo le cose per bene? – Marcucci si sistema il casco appeso alla cintura con la mano destra mentre la sinistra si appoggia sulla spalla del collega – Qua nun se deve discute troppo, nun se deve fa casino. Se tenemo botta penso che quarche soddisfazzione pò arivà pure pennoi…”

“La fai facile te… soddisfazzione ddechè.. so ddù ggiorni che come apro il giornale me s’aritorce lo stomaco”

“Diamoje fiducia. E’ pur sempre un Professore. Uno che ner campo suo ha insegnato..”

“E aridaje co sta storia der Professore, der Maestro… me so rotto li cojoni… Uno nun è che siccome è n’Maestro, uno cazzuto, uno che sicuro ne sa, nun je puoi dì gnente”, la voce di Rugani si macchia di indignazione mentre con una mano si scosta dalla colonna per far riprendere al corpo una perfetta e virile posizione eretta, più convincente.

“Ho capito ho capito… ma secondo me bisogna avè pazienza.. sta crisi passerà… A Rugà, proprio tu co ste storie?! Nun eri quello che finarmente se vedrà de che semo capaci?”  fa Marcucci imitando la parlata tutta cuore del collega quando col giornale avanti, alla notizia dell’arrivo del Maestro dopo gli sfaceli dell’ultimo anno, Rugani era tra quelli che festeggiavano la cacciata del vecchio e l’arrivo dei nuovi.

“La pazienza è finita. Bisogna fa’ quarcosa. So anni che stamo in crisi… Mo’ Basta cazzo! Sennò fanno bbene quelli che lo contestano… ar Maestro…”

“Si si fanno bbene.. e se poi iniziano a contestà seriamente e cominciano a sfascià tutto te che fai? Je offri pure n’caffè? – Marcucci sorride dando una pacchino sulla nuca del collega – Prego se accomodino… bruciate tutto, sfasciate tutto… “

“Nun fa lo stronzo…”

“E allora che fai je meni?”

“A Marcu’… ma che te se magnato a colazione? Pane e l’anima de li mortacci tua?”, un sorriso emerge tra il fumo della sigaretta di Rugani.

Il corteo è ancora fermo. Gli studenti in prima fila abbozzano una specie di cordone. Adolescenti che giocano a fare i grandi.

BASTAAA! CON QUESTI TAGLIIII! ALLA SCUOLA PUBBLICAAA! ALLA SANITAAA’! BASTA CON QUESTE POLITICHEEEE! DI AUSTERITAAAA’! CHE COLPISCONO TUTTIETTUTTEEEEE! E SOPRATTUTTONOIGGIOVANIIII! – applauso, pausa – PRETENDIAMO IL PRESENTE NON IL FUTURO!“. Urlo di approvazione del corteo e parte la solita musica ska.

“Ma tu guarda a ste zzecchedemmerda… Bisognerebbe daje mo’ che so piccoli così capiscono come gira er monno”, una mano aperta a indicare un ipotetico ceffone di Rugani ad un ipotetico figlio contestatore.

“Ma lassali perde.. che oggi c’è annata de lusso… metti ce mandavano coll’autonomi…”

“Massì… e comunque… te dicevo… se iniziano a contestà come se deve… io solidarizzo… ma se je devo menà, je meno uguale… ma co’ rispetto”, Rugani sorride.

“Doppiamente ‘nfame… Ah Rugà, prima je dici BRAVO BRAVO e poi je meni?”

“Aò.. semo fatti pe’ soffrì…”

“Ma vattene va…”,  spinta di Marcucci a Rugani che si riappoggia alla colonna.

“Comunque io c’avrei messo a n’altro… uno meno estremo, più pacato… Questo ce sta a ridure ai minimi termini…”, ragiona Rugani cercando in cielo un nome, un volto, uno che sia quello giusto al posto giusto.

“Più pacato… poi magari te capitava n’vecchio mezzo democristiano e mezzo comunista, mezzo acqua e mezzo foco e nun combinava un cazzo… Uno che te portava la squadra a metà classifica, senza conclude niente… Co questo se riparte, stamme a sentì… Il proggetto io l’ho capito… e se la cosa ngrana semo i più forti… Bisogna staje vicino… daje fiducia…”

“Sarà… Ma ce sta quo’ stronzo de Vigli che so dduggiorni che me rompe li cojoni… quer lazzziale demmerda… – un fulmine di vendetta negli occhi – je dovemo fa cacà sangue al ritorno… a stemmerde”

“E tu a Vigli ricordaje che è sempre un cornuto… – mani che formano le corna a sottolineare – Falli divertì, che poi i conti se fanno a fine anno te dico…”, mani che si compongono nel gesto del sedere.

“A fine anno se fanno i conti, dici te… a me però me brucia er culo oggi”, conclude Rugani prendendo il casco e infilandolo. Marcucci pronto si volta, vede il corteo che ha cominciato ad avanzare e infila il casco pure lui.

“Uagliò – si inserisce tra i due Campitiello, il napoletano già in assetto antisommossa con scudo, manganello e casco allacciato – state carichi?”

“Come na loffia… mortacci loro… – ringhia Rugani facendo spazio al collega e allacciandosi il casco – hai letto i giornali Campitiè? Te piace Pjanic?”

Campitiello fa uno sbuffo… Raccoglie i pensieri guadagnando il centro della strada insieme al reparto guidato dal Vicequestore… “Pjanic è bbuon’.. solo che noi in quella posizione là non ci serve… T’nimm a Marekiaro…”

“Pjanic è forte – fa Marcucci – e a noi nun ce serve… a Napoli lo vedrei bene, te dico…”

“Sticazzi de Pjanic dico io – Rugani, risolutorio, impugnando lo scudo – ma a me tutta sta storia me fa solo girà li cojoni… Zeman ce sta a rovinà… stamo colle pezze ar culo e la ggente se stà a incazzà… Bisogna che lo cacciano… colle bbone o colle cattive… io de fa figure de mmerda me so rotto li cojoni… lazziali demmerda…”, a denti stretti.

1 commento »

  1. Aoh, e che je voi dì!?
    C’ha raggione Rugani! Er culo bbruscia oggi, mica domani! Mortacci loro e de sti cazzo di pischelli che giocheno a fà li rivoluzzionari!

    Commento di Luca C. — 20 novembre, 2012 @ 4:06 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: