franchino's way

18 luglio, 2009

Fuori dalla tv (testimonianza dal terremoto reale)

Filed under: attualità — ilkonte @ 1:57 pm
Tags: , ,

L’autore di questo scritto si chiama Pier Paolo Cirillo e racconta la situazione a L’Aquila. La situazione reale, il terremoto reale, quello che sta fuori dai nostri schermi televisivi, quello di cui nessuno (o quasi) parla, quello che contraddice la propaganda sovietica dei “miracoli”, dell’efficenza.

 ti scrivo alcun testimonianze raccolte oggi a l’aquila, al’ospedale (si fa per dire) di coppito: signora … impiegata dell’ospedale al servizio cup: io e la mia famiglia abitiamo da parenti in un paesino a circa trenta km.da qui; ogni mattina mi alzo alle 5 per essere puntuale al mio posto di lavoro, so quanto è importante non assentarsi, per nessun motivo, lavoriamo anche con la febbre, non perchè siamo eroi, ma perchè noi stessi siamo vittime non solo di un terrremoto, ma di una colossale presa in giro fatta di promesse, per poi abbandonarci a noi stessi! qui ogni mattina si presentano tra le 300 e le 400 persone, ad aspettare da un minimo di un’ora fino anche a 2/3 ore di attesa sotto il sole, pechè non hanno disposto nemmeno una tenda per le persone in attesa! abbiamo montato noi alcuni gazebo davanti gli ingressi delle tende militari, ma non c’è nessuna assistenza! vergognoso!
mentre aspetto già da un ‘ora il mio turno, abbronzandomi alle ore 9,30 sotto un sole cocente (provare x credere!), arriva un’auto con dentro una signora con la mascherina dell’ossigeno e la bombola: l’accompagnatore si ferma, deve timbrare le ricette prima di recarsi alla tenda per la visita della signora…!
un govanotto che aspetta mi illustra la stuazione di chi, come lui, è stato al servizio del G8: assunzione la mattina e licenziaento la sera, questo è il contratto con cui li hanno fatto lavorare i “giovani del G8”; i soldi? ancora non sanno a chi rivolgersi per inoltrare le domande e conoscere il futuro delle INGENTI somme di danaro che dovranno (un giorno) riscuotere…!
mi avvicino alla tenda della chirurgia vascolare, di fronte alla tenda della chirurgia generale, tra polvere, sporcizia e inquinamento delle vicine auto in perenne ricerca affannosa d un parcheggio: “ma voi siete qui in attesa di una visita, in piedi e sotto il sole?” “sì, io devo togliermi i punti d un intervento allo stomaco, sto aspettando da mezz’ora… i medici si stanno prodigando sin dall’inizio del terremoto, sono veramente bravi, ma io così comincio a sentirmi male…!” domando: “quanti hanni ha?” risponde”62″…
vado più avanti, supero ORL, GINECOLOGIA, MEDICINA DELLO SPORT, ed arrivo ai primi container: cartelli informativi inesistenti… le uniche scritte che campegiano enormi e colorate sono quelle che recitano: “DONO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELL’ABRUZZO” oppure “DONO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLE MARCHE” che bravi…!
dottore ma siete supportati dalla protezone civile e dai volontari? “qui non c’è nessuno, come può vedere in tutta l’area del parcheggio dell’ex ospedale ci sono due vigili, che stanno sempre fermi all’ingresso della tendopoli per far tornare indietro le auto che arrivano e non sanno dove andare! mancano spesso rifornimenti di materiale e medicinali, guardi quanti frigoriferi e condizionatori imballati checi sono in giro accanto alle tende: sono giorni che aspettano che qualcuno li installi per farci lavorare almeno decentemente e ricevere i pazienti in un ambiente a dimensione accettabile!qui vengono persone che stanno male ed hanno bisogno di cure! ma che si credono, che siamo bestie?!
intanto nell’area delle tende si mormora e si parla della presenza stamane del premier… “ma dov’è? perchè non viene qui nel posto peggiore dell’inferno dell’Aquila?” “perchè non viene a sincerarsi come funzionano i servizi, qui?” “io sono stato a roma, quando qui c’era il g8, eravamo a migliaia… ma qui non ne sapeva niente nessuno…!”
mi fermo qui, e, vergognandomi, mi allontano… neanche io ce la facevo più a sopportare quel caldo terribile, mi stavo sentendo male… e tutti quegli anziani in fila? e quei bambini sudati? e non c’era un distributore d’acqua… tornato a roma, ho visto al tg il nostro premier bearsi del record di intervento all’Aquila di fronte a due palazzine di recente costruzione… “battuti tutti i record!” sì… di vergogna!!!
 

Advertisements

1 commento »

  1. Non si possono commentare cose così, ci si può solo indignare e far circolare il più possibile.
    Ma anche così ci sarebbe sempre qualcuno che riuscirebbe a strumentalizzarle per fini politici.
    Ed intanto le persone stanno nelle tende.
    Che sbadato che sono,in questo periodo di vacanze (con la crisi che c’è) beati loro che almeno si possono permettere il campeggio.

    Commento di stefano colombo — 19 luglio, 2009 @ 10:38 am | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: